Technische Universität München

The Entrepreneurial University

 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
 | 
La parte simpatica del sistema nervoso centrale svolge un ruolo importante nella regolazione dell'organismo su uno stato di massima allerta e totale mobilizzazione fisica. Il meccanismo del sistema nervoso simpatico si basa su complessi processi neurofisiologici, in cui vengono rilasciate le sostanze di neurotrasmissione simpatica (acetilcolina e catecolamine, cioè adrenalina e noradrenalina). Le catecolamine agiscono attraverso specifici adrenorecettori (α1, α2 e β) distribuiti in diversi tessuti dell'organismo. A parte i recettori, la neurotrasmissione adrenergica coinvolge i meccanismi preposti al riassorbimento e al reimmagazzinamento attivi delle amine rilasciate, nonché alla loro scomposizione enzimatica da parte della monoamino ossidasi (MAO). L'adrenalina agisce come neurotrasmettitore, ma, tramite l'attivazione della midollare surrenale, viene anche secreta nel sangue come ormone. L'aumento della produzione di catecolamine provoca nell'organismo una sequenza di eventi, che determinano un aumento di concentrazione psichica, cardiostimolazione, mobilizzazione dei substrati energetici e broncodilatazione. Gli stimolanti (simpatomimetici) sono i farmaci che attivano il sistema nervoso centrale mediante l'azione dell'adrenalina e della noradrenalina. I simpatomimetici diretti imitano l'azione delle catecolamine naturali. I simpatomimetici indiretti, invece, aumentano la concentrazione di noradrenalina sulle giunzioni dei neuroeffettori, in quanto ne inibiscono il riassorbimento (cocaina), ne facilitano il rilascio, ne rallentano la scomposizione da parte della monoamino ossidasi (MAO) oppure esercitano tutti e tre questi effetti allo stesso tempo (anfetamina, metanfetamina). 

Gli stimolanti sono in grado di esaltare l'umore e aumentare l'eccitazione, nonché di ridurre o eliminare la sensazione di fatica e di potenziare le prestazioni fisiche. Tuttavia, questi farmaci hanno effetti modesti sulle prestazioni, influenzandole solo quando vengono somministrati ad alte dosi. Gli stimolanti più popolari utilizzati per scopi di doping sono le anfetamine, la cocaina, l'ecstasy e il metilfenidato (Ritalin). Anche la nicotina e la caffeina vengono utilizzate frequentemente come stimolanti, ma non sono proibite nelle attività sportive.

Stimulants 1 en

Stimulants 2 en

Stimulants 3 en

drucken